come si usa la coppetta mestruale

12 Gen Coppetta Mestruale: istruzioni per l’uso

L’argomento di oggi è piuttosto delicato. Come avrai già intuito dal titolo, ho deciso di parlarti della coppetta mestruale e di come essa possa sostituire il tampone – o il più classico degli assorbenti.

Quando si parla di salute, igiene personale e rispetto per l’ambiente, l’imbarazzo o, peggio ancora, i pregiudizi, devono essere messi da parte. Avrai già sentito parlare della coppetta mestruale, e se sei qui, significa che hai voglia di approfondire l’argomento, quantomeno, perché ti incuriosisce.

Detto ciò, ecco brevemente di cosa tratterà l’articolo:

  • cos’è la coppetta mestruale?
  • quali sono i vantaggi?
  • esistono controindicazioni?
  • come si sterilizza?
  • come si usa?

Adesso, analizziamo ogni singolo punto, cercando di fugare ogni tuo dubbio.

Cos’è la coppetta mestruale?

coppette vaginali

La coppetta mestruale è una valida alternativa al tampone o ai comuni assorbenti, a differenza dei quali, raccoglie – e non assorbe – il flusso mestruale. La sua forma, infatti, ricorda quella di un piccolo imbuto. È disponibile in diverse dimensioni, modelli e materiali. Tralasciando per un attimo le prime due caratteristiche, concentriamoci sui materiali con i quali viene realizzata.

Le alternative a tua disposizione sono tre:

  • silicone anallergico
  • silicone platinico
  • elastomero termoplastico (TPE)

Materiali caratterizzati da un’innata morbidezza e flessibilità. Due aggettivi preziosi quando si parla di fisiologia e rispetto per il proprio corpo. Specialmente nelle zone più intime e delicate.

Coppetta mestruale: perché usarla

scegliere la coppetta mestruale

Ora che conosci un po’ meglio la coppa mestruale, direi di analizzare i vantaggi e le eventuali controindicazioni.

Una scelta ecologica

La coppa mestruale come è realizzata con materiali lavabili al 100%. Questo significa che ridurrai il tuo impatto ambientale. Noi donne, durante la nostra vita fertile consumiamo e gettiamo più di diecimila assorbenti. Le conseguenze di questo comportamento, non impattano solo l’ambiente che ci circonda, ma anche il portafogli. Usare la coppetta mestruale, invece, significa rispettare l’ambiente e risparmiare, ogni anno, circa 80 euro. Considera che una confezione di assorbenti ha un costo che si aggira intorno ai 4 euro, in media. In più considera che, in base alle tue esigenze, potrebbe capitarti di dover acquistare, inoltre, dei proteggi slip, o degli assorbenti interni.

Durata

La coppa mestruale, invece, se ben conservata e trattata ha una durata che può andare dai 10 ai 15 anni, e ha un costo medio che si aggira intorno ai 30 euro. Facendo un rapido calcolo, in circa 7 mesi sarai rientrata dall’investimento, con il risparmio che ne consegue.

Ecocompatibile

Ma parlare di coppetta mestruale significa anche parlare di secchezza e irritazioni vaginali che i normali tamponi (o assorbenti) possono causare. La coppa non contiene sostanze chimiche, né agenti sbiancanti, contribuendo a mantenere integro il tuo equilibrio intimo.

Invisibile

Infine, occupando poco spazio ed essendo praticamente invisibile (una volta inserita), ti lascerà libera ed efficacemente protetta in diverse situazioni come, ad esempio, in spiaggia o mentre fai sport.

Quando evitare la coppetta mestruale

Ma, come per ogni cosa, non esistono solo vantaggi. O meglio, quando si parla di coppetta mestruale non si parla di reali svantaggi, bensì di controindicazioni. Ossia, l’uso o meno, della suddetta coppetta, in determinati periodi della nostra vita da donna.

Ad esempio, nelle settimane successive al parto, a un aborto, a una colposcopia o a un intervento chirurgico, scegliere di utilizzare la coppetta mestruale potrebbe essere poco saggio. Anche nel caso tu stia utilizzando un metodo contraccettivo come la spirale, il diaframma o l’anello vaginale devi fare molta attenzione. Il mio consiglio è quello di confrontarti con il tuo ginecologo e, insieme a lui, trovare la soluzione più adatta al tuo corpo e alle tue esigenze.

Un ultimo consiglio che mi sento di darti riguarda la lubrificazione. Evita l’uso contemporaneo di oli lubrificanti. Questi, infatti, potrebbero solo causare dei danni alla tua coppetta. Prediligi lubrificanti a base acquosa e con formula naturale o biologica, senza oli minerali.

Detto ciò, vediamo come utilizzare la coppa mestruale.

Come si pulisce la coppetta mestruale?

Dopo aver scelto il modello perfetto per te, la prima cosa che devi fare è sterilizzare la tua coppa mestruale. Puoi farlo immergendola in un pentolino pieno d’acqua e lasciarla bollire per circa 5 minuti. Durante questa operazione, dai sempre un’occhiata alla tua coppa, per evitare di bruciarla.

In alternativa, puoi utilizzare il tuo forno a microonde. La procedura è la stessa, cambia solo il tempo di ebollizione (dai 6 ai 7 minuti circa). Ricorda, inoltre, di sterilizzare sempre la tua coppetta prima e dopo il ciclo.

NB → Puoi anche utilizzare dei prodotti specifici come le pastiglie o i disinfettanti per le tettarelle dei neonati.

Come si usa la coppetta mestruale?

come si usa la coppetta mestruale

Adesso che molti dubbi sono stati (spero) fugati, è opportuno parlarti dell’aspetto pratico e di come inserire la coppa mestruale. Il primo consiglio che mi sento di darti, riguarda il tuo approccio. Libera la mente, fai un respiro, rilassati e trova una posizione a te congeniale. Se utilizzi già degli assorbenti interni, ad esempio, prova la medesima posizione. Con molta probabilità, andrà bene anche per la coppetta.

Per aiutarti, prova a lubrificare la coppa con un po dacqua o un idratante intimo a base acquosa.

Quanto ai diversi metodi per inserirla, non mi sento di darti particolari consigli. Ognuna di noi, infatti, è diversa. Per questa ragione bisogna sperimentare e trovare, con pazienza, la tecnica giusta. Qualsiasi prodotto deciderai di acquistare avrà al suo interno il classico libretto illustrativo che, passo passo, ti mostrerà come inserirla ed estrarla.

Neanche a dirlo, prima di inserire la coppa, lavati molto bene le mani. Per toglierla, invece, ti consiglio di sederti sul bidet (o sul wc) e, delicatamente, ruotarla fino a che l’effetto ventosa sparirà, quindi tirarla verso il basso, facendo attenzione a tenerla verticalmente, una volta estratta.

Ogni quanto devo cambiare la mia coppetta mestruale?

Mai. O meglio, come detto in precedenza, una coppetta mestruale ha una vita media che vai dai 10 ai 15 anni. Quello di cui devi preoccuparti è, piuttosto, ogni quanto svuotarla. Sì, perché a seconda dell’intensità del tuo flusso, dovrai estrarla, svuotarla, risciacquarla (con molta cura) e reinserirla.

NB → Dalle 4 alle 6 ore per un flusso particolarmente intenso, dalle 8 alle 12 per un flusso più regolare.

Conclusioni

Il nostro piccolo viaggio termina qui. Spero di averti reso meno scettica e più fiduciosa nei confronti di uno dei sistemi più comodi e meno pericolosi che possiamo adottare durante i giorni del ciclo. Fai una scelta ecologica, oltre che salutare.

Dai unocchiata al negozio online di Ecocose. Troverai, oltre tamponi e salvaslip biodegradabili (realizzati in cotone biologico), salviettine intime, assorbenti lavabili, e tre delle migliori coppette mestruali disponibili in commercio. Tutto questo a un prezzo imbattibile. Cosa aspetti?

Vuoi vedere su Ecocose gli assorbenti e la Lady Cup?
The following two tabs change content below.
Sono Marialuisa Sanfilippo, founder di madd.it. Il mio obiettivo è rendere la tua comunicazione aziendale uno strumento di informazione al servizio del cliente, fornirgli un servizio migliore, guadagnare di più e lavorare meglio. Mi occupo principalmente di marketing strategico e seo copywriting .
Nessun commento

Scrivi un commento

Ti sono piaciuti i prodotti di cui abbiamo parlato?