Henné del mese – Ricettina Henné in due tempi

09 Dic Henné del mese – Ricettina Henné in due tempi

L’Henné in due tempi, ossia l’applicazione prima di Lawsonia Inermis e poi di Indigo oppure di un mix castano (Indigo + Mallo + Lawsonia ecc…), è davvero consigliato in caso di molti capelli bianchi o se si vuole ottenere un colore scuro partendo da una base chiara o ancora se si vuole scurire il capello ottenendo dei toni sul mogano scuro-ciliegia-prugna (a seconda della base di partenza).

Ecco come ho fatto questo mese l’Henné in due tempi mischiando vari Henné Khadi e Tinte Sante.

Fase 1: Lawsonia

henné amla jatropha khadiHo mescolato la mia polvere di Henné, Amla, Jatropha  Khadi con dell’infuso di Karkadé bio a cui ho aggiunto del succo puro di mirtillo bio. Ho poi aggiunto anche il succo di mezzo limone e un cucchiaio di aceto.
Ho creato un composto un po’ liquido perché sapevo che avrei aggiunto dell’altra polvere in seguito. Ho lasciato acidificare tutta la notte, coprendo la mia ciotola con un panno e mettendola vicino al termosifone perché si mantenesse ben al caldo.

Il giorno dopo ho scaldato il composto nel forno a microonde e poi ho aggiunto un

cucchiaio circa di Tinta Vegetale Sante color Terra e un altro cucchiaio di Indigo Puro Khadi per scurire un pochino il composto. Ho mescolato, unendo anche un vasetto di yogurt per rendere il mio mix ben idratante. Ho unito all’Henné queste due

henné amla jatropha + tinta terra + indigopolveri perché volevo che il risultato fosse un rosso freddo e non ramato, ma non era strettamente necessario per la buona riuscita dell’applicazione in due fasi.

Sui capelli asciutti e puliti, ho applicato l’Henné e ho coperto la testa con la cuffia di plastica e un asciugamano vecchio, lasciando il tutto in posa per 2 ore. Ho poi sciacquato solo con acqua e un po’ di balsamo.

Il risultato è stato un’ottima copertura dei capelli bianchi, color rosso acceso, mentre il resto della capigliatura è rosso freddo.

Fase 2: Tinta Vegatale

tinta vegetale terraIl giorno successivo, ho preparato il mio composto di Tinta Vegetale Sante color Terra mescolando la polvere con del the nero (caldo, ma non troppo, lasciato in infusione  a lungo e in seguito riscaldato nel microonde) e un vasetto di yogurt. Ho aggiunto un cucchiaino di sale fino per fissare meglio il colore.
Ho applicato subito (dato che la Tinta è composta per lo più da Mallo di Noce e Indigo non serve fare acidificare) e l’ho lasciato in posa un paio d’ore.

Ho poi sciacquato bene e applicato un po’ di balsamo per districare i capelli e rimuovere i residui.

Il risultato è stato un castano-cioccolato molto scuro con dei riflessi rosso scuro freddo visibili solo alla luce del sole. E ovviamente dei capelli super rinforzati e pieni come solo con l’Henné! 😉

Buon Henné a tutti! 🙂

 

I miei capelli dopo la fase 1 🙂 capello castano scuro post henné amla jatropha khadi con indigo

 

I miei capelli dopo la fase 2 🙂 capello castano scuro post tinta terra sante

 
The following two tabs change content below.

Ecocose Gestore

Ultimi post di Ecocose Gestore (vedi tutti)

9 Commenti
  • Clementina
    Scritto alle 15:55h, 03 Maggio Rispondi

    Hai applicato l’henné a capelli bagnati? E per l’odore come fai?

    • Luana
      Scritto alle 10:17h, 20 Maggio Rispondi

      Io lo applico sempre a capelli asciutti, ma c’è chi lo applica a capelli umidi. Non c’è tuttavia una regola. Dipende da come ti trovi meglio. Io preferisco non avere cose troppo umide in testa per via della cervicale ma sono scelte personali che non pregiudicano il risultato. 🙂

    • Luana
      Scritto alle 10:52h, 21 Maggio Rispondi

      L’odore dell’henné a me non dà fastidio. Comunque all’impasto si possono aggiungere delle spezie oppure, se si hanno i capelli castani o scuri, anche del cacao. Insomma sostanze che profumano e smorzano l’odore dell’henné. 😉

  • ines
    Scritto alle 11:12h, 25 Giugno Rispondi

    Ti ringrazio tantissimo per questa ricettina .Mi sono trovata benissimo .I miei capelli sono stupendi.Ed anzi volevo aggiungere che in seguito a sostanziale caduta dopo forte stress il quale la mia capigliatura si è quasi dimezzata con questa ricetta ho ottenuto un maggior volume nascondendo così il problema in maniera ottimale, evitando ovviamente un ulteriore stress nel vedendomi quasi stempiata.

    • Luana
      Scritto alle 11:48h, 21 Luglio Rispondi

      Ciao Ines, scusa per il ritardo nella risposta dovuto a problemi tecnici col blog! 🙁
      Grazie a te per il messaggio. Sono contenta che ti sia trovata bene.
      Mi fa sempre piacere vedere che l’henné e le erbe tintorie risolvono sempre i nostri problemi! ^_^

  • Ilaria
    Scritto alle 17:26h, 23 Luglio Rispondi

    Ciao, mi piacerebbe raggiungere un risultato del genere, parto da una base di un castano molto chiaro ramato, con ciocche più chiare proprio ramate, dovute ad hennate precedenti con tazarine. Potrei utilizzare un mix di indigo e henné freddo per arrivare ad un castano?

    • Luana
      Scritto alle 16:02h, 12 Febbraio Rispondi

      Ciao Ilaria,
      mi dispiace non avere risposto in tempo alle tue domande. Purtroppo il blog per mesi non ci ha inviato le notifiche dei commenti degli utenti. Stiamo integrando il blog al nostro negozio online anche per potere evitare di questi disguidi. 🙁
      Il tuo problema è che avendo una base molto chiara, il rosso potrebbe sempre prevalere sul castano. Puoi provare ad utilizzare un mix 50% henné, amla e jatropha e 50% indigo e vedere l’effetto. Eventualmente puoi aumentare la proporzione di indigo fino ad arrivare al tono desiderato, ma vai per gradi perché a scurire si fa sempre in tempo, mentre a schiarire no! 🙂
      ciao

  • Ines
    Scritto alle 08:03h, 13 Settembre Rispondi

    Ciao Luana ,vorrei chiederti un’ informazione ,tra l’hennè rosso caldo e l’hennè rosso freddo che differenza c’è ? Uno dei due è forse rafforzato con qualche eccipiente ?

    • Luana
      Scritto alle 09:08h, 21 Settembre Rispondi

      Ciao, no, è Lawsonia pura in entrambi i casi. Solo che sono tipi diversi di henné. Quello freddo va bene anche per fare i tatuaggi sulla pelle ecco perché si ottiene una colorazione leggermente diversa. Comunque non contiene picramato né altro, nemmeno altre erbe.
      Ciao 🙂

Scrivi un commento

Ti sono piaciuti i prodotti di cui abbiamo parlato?

Grazie per aver letto il nostro blog

Vorresti acquistare i cosmetici

di cui hai appena letto?

Puoi acquistarli proprio qui su Ecocose