Come smaltire gli imballi di Ecocose

Noi di Ecocose ogni giorno cerchiamo di ottimizzare la nostra attività e il nostro sistema di spedizione per migliorarci e diminuire così il nostro impatto sull’ambiente.
Questo vuol dire stampare solo i documenti strettamente necessari, scegliere carta riciclata per stampare i volantini, utilizzare imballi il più possibile ecologici o riciclati, minimizzare gli scarti e molto altro. Nonostante tutti i nostri sforzi, anche la nostra attività, come qualunque altra attività umana produce CO2. Per questo, fin dal primo giorno di attività compensiamo la CO2 emessa dai trasporti e dal traffico Web.

Un importante aspetto del nostro impegno verso l’Ambiente che vogliamo oggi sottolineare riguarda gli IMBALLAGGI.

Gran parte degli imballaggi utilizzati dal nostro staff per le spedizioni proviene da riciclo. Se da un lato spesso le scatole per la spedizione devono essere acquistate, dall’altro disponiamo di una efficiente rete di recupero di scatole e scatoloni.

Inoltre abbiamo scelto di riutilizzare TUTTI i materiali di riempimento che troviamo nelle scatole dei nostri fornitori, per confezionare i pacchi per i nostri Clienti. Non essendo sufficienti questi elementi riempitivi, li integriamo con giornali, carta tritata, carta destinata al macero e talvolta con imballi biodegradabili acquistati. Crediamo infatti nella formula delle 4R: Riduci, Ripara, Riusa, Ricicla.

Per questo motivo utilizziamo anche alcuni imballi di plastica: quelli che trovi talvolta nel tuo pacchetto provengono infatti dai grossi pacchi che qualche fornitore ci ha inviato o che qualche azienda della nostra zona non utilizza. Noi NON acquistiamo nessun imballaggio in plastica.
Tuttavia il fatto che noi diamo loro una “vita” in più rende questi imballi ecologici, almeno nel nostro passaggio di mano.

Dato che spesso ci viene chiesto come smaltire gli imballi ricevuti col proprio pacco, ecco qualche suggerimento per contribuire anche tu a rendere il tuo shopping eco-sostenibile!


 CARTA

Carta riutilizzataLa carta che trovi nel tuo pacco (triturata o appallottolata) va raccolta insieme a tutti i tuoi rifiuti di carta e cartone. Vecchie riviste, giornali, cartoni, imballi alimentari di carta e cartone. Anche nella tua città sarà ormai attiva la raccolta differenziata. Attuarla correttamente ci aiuta a vivere in un posto migliore. 

 

 

 

 


IMBALLI BIODEGRADABILI

 

Le famose patatineLe palline di mais biodegradabili sono facilmente distinguibili dalla plastica perché hanno una consistenza molto diversa da quelle in polistirolo: si schiacciano molto facilmente, se piegate non si rompono ma si accartocciano del tutto, se bagnate sembra quasi che si sciolgano e assomigliano alle patatine di mais edibili. La superficie è ruvida e opaca. Sono di colore verde ma anche bianche o arancioni.  Il film a bolle d’aria biodegradabile è distinguibile da quello in plastica per il colore: se il film a bolle d’aria trovato nel pacco è di colore verde hai la certezza che sia biodegradabile. Questi imballi biodegradabili possono essere smaltiti nella raccolta differenziata dell’umido/organico o nella compostiera. 



PLASTICA

MultiballLa plastica può essere in film a bolle, in palline di polistirolo o in cuscinetti gonfiati ad aria. Il film a bolle (piccole o grandi) è distinguibile da quello biodegradabile perché è bianco e non verde. Le palline in polistirolo sono distinguibili da quelle biodegradabili perché sono molto più dure e compatte: se piegate si spezzano, a contatto con l’acqua non si sciolgono né si modificano nella loro forma, la superficie è liscia e lucida. Questi imballi vanno smaltiti nella raccolta differenziata della plastica insieme alle bottiglie e agli altri imballaggi che utilizziamo quotidianamente.